La troia che preferisco



VAI SUBITO AL VIDEO

Sono sposato da soli due anni, e ancora non ho capito qual’è la troia che più preferisco. Mia moglie spesso e volentieri non viene incontro alle mie esigenze sessuali. E’ una donna timida e ancora oggi dopo sette anni che ci frequentiamo non si lascia andare al sesso che più adoro, alle classiche porcate che si adorano fare con la donna che si ama; già un pompino una volta all’anno. Insomma la moglie deve essere una gran troia a letto.
Così ho cominciato a frequentare delle puttane i primi anni e poi da poco tempo mi è venuta voglia di un trans. Abita in un appartamento indipendente di un villino a due passi dalla mia ditta.
La incontro spesso al bar o al supermercato, ma non si è mai accorta di me. E’ una figa incredibile. Alta un metro e ottanta. Due enormi tette, un culo da brivido e un viso che sembra la fotocopia vivente di Pamela Anderson.
Insomma da sogno. Una sera, col mio solito giro di puttane, trovo sulla strada lei. E’ uno schianto, un vestito attillato rosso fuoco e stivali neri che arrivano fino alle cosce con tacchi da 15 cm. Non credo ai miei occhi. La figona che ho desiderato come un pazzo per giorni e proprio difronte alla mia macchina ed é completamente disponibile. Solo un cenno ed è mia per qualche ora. Rimango un po turbato all’idea di poterla incontrare sul posto di lavoro, ma chi se ne frega!!! E’ troppo figa, la voglio!!! Le chiedo quanto vuole e mi spara una cifra incredibile, più di due puttane, però possiamo andare da lei per almeno un’ora.
Accetto. Arriviamo all’appartamento e l’atmosfera é tipica da puttana di alto bordo, colori rossi e luci soffuse. Mi dice che per il doppio posso avere un trattamento speciale e la cosa mi stuzzica e accetto la proposta. Al che mentre sono chinato sul letto a farle un pompino, mi sento due mani sui fianchi e un enorme bastone che mi entra con foga nelle viscere.
Mi giro e vedo una possente negra trans bellissima che affonda il suo cazzone tra le mie chiappe. L’eccitazione pervade la mia anima e tra un pompino a Pamela e l’inculata della nera, sborro come non mai.





I commenti sono chiusi.